venerdì 27 luglio 2012

E speriamo che De Finis resti

Francamente non vediamo nulla di particolarmente clamoroso nel Comunicato diramato dal Presidente del Brindisi Giuseppe Roma. In esso – che riportiamo integralmente al termine di queste brevi note nostre-  è anzi da riscontrare un assoluto buonsenso, una ragionevolezza ed una umiltà che “cozza” in un mondo pieno di superbia e di ripicche. Quello che dice – e scrive- il Presidente Roma dovrebbe anzi fare gioire non solo la tifoseria ma pure l’intera Città: è bello avere una Società schietta, trasparente, umile e che - come detto- palesa una sincera volontà di gradire un ulteriore consolidamento dell’assetto societario –anche in termini economici- anche attraverso degli sponsor. 
Ma quello che davvero colpisce positivamente è l’invito – chiaro, nitido, senza giri di parole o ambiguità- rivolto all’Ingegnere Annino De Finis di ritornare nell’alveo societario. O meglio, di restare: come è noto, infatti, De Finis in una missiva lunga ed articolata (la potete leggere integralmente al seguente link: http://forzabrindisi.myblog.it/archive/2012/06/28/brindis...   ) aveva rassegnato le dimissioni: tuttavia tali dimissioni non sono state accettate dalla Società (come ribadisce nel Comunicato il Presidente Roma laddove afferma che “le cui dimissioni[di De Finis] gli organismi societari non hanno accettato in attesa di un suo[di De Finis] ripensamento ed auspicato rientro.”).
Ecco: come cittadino e come tifoso (prima ancora che come operatore dell’informazione) vedo in tale Comunicato di Giuseppe Roma una bella volontà di ricomposizione e di “riconciliazione”: in un mondo (incluso quello del calcio) in cui prevale arroganza e divisioni le parole di Roma sono un segnale molto significativo.
Ed infine mi permetto di rivolgermi direttamente a De Finis (la cui scelta avevo già ampiamente commentato in questo modo: http://forzabrindisi.myblog.it/archive/2012/06/28/le-dimi...   ) ed esprimere il grande desiderio e un accorato appello acchè possa tornare saldamente nella Compagine Societaria: Ingegnere, abbiamo bisogno di lei, della sua passione e competenza, e siamo grati di quanto ella  già ha fatto per il Brindisi – in momenti in cui il calcio era sul punto di sparire da Brindisi!-  e pazienza se la gratitudine è merce rara e addirittura alcuni amministratori improvvidi ed inopportuni le hanno rivolto parole offensive. Il Brindisi – ed anche la Città di Brindisi- necessitano di una persona come lei. E sono certo di interpretare il sentimento ed il pensiero di molti tifosi brindisini e di moltissimi cittadini.

Nel rinnovare il plauso al Presidente Roma –cui rinnoviamo la nostra stima- per il Comunicato che ha voluto diramare riportiamo, in forma integrale, il comunicato medesimo:

Comunicato stampa - 26 luglio 2012
La società è attiva nella ricerca di sponsor e di nuovi soci da inserire nel progetto della rinascita del calcio brindisino.
Per questo intendo impegnarmi per il recupero del socio ing. Annino De Finis, vicepresidente le cui dimissioni gli organismi societari non hanno accettato in attesa di un suo ripensamento ed auspicato rientro.
La speranza e l'auspicio è di rivedere presto i quattro soci seduti attorno allo stesso tavolo per programmare assieme ai tecnici un campionato vivo, impegnativo e in grado di affermare il Città di Brindisi tra i protagonisti.
Sono certo che un prossimo incontro, che ho in animo di organizzare a breve con la presenza di tutti i soci e tecnici, possa servire a ricompattare le fila del sodalizio nell’interesse della ulteriore crescita del calcio brindisino.
Più siamo e meglio siamo!

Giuseppe Roma

Presidente SSD Calcio Città di Brindisi

Nessun commento:

Posta un commento